20/12/2019 - 31/01/2020

Corrado Cagli. Paura del Totem

rittelli arte contemporanea è lieta presentare il secondo appuntamento della stagione espositiva 2019/2020, dedicato a uno tra gli artisti più rilevanti del secondo dopoguerra: CORRADO CAGLI. Paura del Totem.


La mostra si propone di offrire una visione completa dell'immaginario magico-totemico presente nella pittura di Corrado Cagli, un artista che fin dagli esordi ha reso propria l'urgenza di un profondo rinnovamento del linguaggio artistico. La ricerca di archetipi figurali e soprattutto segnici, sempre tradotti in una cifra autonoma e personale, affiora nelle varie esperienze formali dell'artista.


Nelle opere in mostra la realtà del visibile e dell'inconscio, la memoria e il presagio, convivono nel tentativo continuo di esplorare il mondo moderno in chiave primitiva, barbarica e “misterica”, con riferimenti ricorrenti al pensiero di Carl Gustav Jung.


Operando oltre la contrapposizione figurazione e non-figurazione, Cagli rivendica il proprio nomadismo creativo in chiave di libertà d'immaginazione e di espressione. La mostra raccoglie oltre cinquanta opere eseguite tra il 1946 e il 1973, a partire da una serie di oli in bianco e nero su carta della fine degli anni Quaranta, Il pastore, La lanterna, da cui emerge un potente segno gestuale ininterrotto, proseguendo con Impronte e Chimera del 1950 in cui la sovrapposizione di materia cromatica avviene per frammenti intrisi di colore, oppure per graffiti di ispirazione rupestre. Del periodo 1954-55 sono presenti una serie di Tavolette, tra cui Paura del Totem, realizzate a cera su carta incollata su legno, che approfondiscono la ricerca sugli archetipi, attingendo a fonti figurali di civiltà extraeuropee. Si succedono poi le Carte della fine degli anni Cinquanta, ottenute attraverso la polverizzazione ad aerografo del colore, come Apparizione e Il Monaco, segnate dall'emergere di un oggetto fantasma. Troviamo ancora Le Siciliane, uno splendido ciclo pittorico ispirato alla solarità e alla mediterraneità della Sicilia, tra cui Turi-mnesia e Pupiddunanau, squillanti inchiostri colorati su carta che alludono a miti micenei, etruschi e fenici. Infine, sculture come Fonte di Fauno, bronzo del 1965, e l'arazzo Enigma Solare del 1973 documentano l'esplorazione a tutto campo dell'artista.


 

GALLERIA FRITTELLI ARTE CONTEMPORANEA
Corrado Cagli. Paura del Totem