02/03/2023 - 28/04/2023

Rediscovering Helga Philipp. Op Art in Austria

Dal 2 marzo al 28 aprile 2023 la Galleria 10 A.M. ART di Milano, nella sua sede di corso San Gottardo 5, organizza, a cura di Paolo Bolpagni, una mostra retrospettiva dedicata alla grande artista viennese Helga Philipp (1939-2002), una delle protagoniste della Op Art e delle neoavanguardie astratto-concrete in Europa, autrice di una produzione di altissima qualità e intelligenza. Per l’Italia si tratta di un’autentica scoperta, doverosa e forse sorprendente. Così scrive nel proprio testo di presentazione il curatore:


 


Il ruolo di questa straordinaria pittrice è stato fondamentale nella scena artistica austriaca a cominciare dagli anni Sessanta, ma si è esteso anche ad altri Paesi europei, rimanendo però pressoché ignoto, nella sua importanza, al di qua delle Alpi. È come se nell’àmbito della “Nuova Tendenza”, che pure, irradiandosi dalla Galerija Suvremene Umjetnosti di Zagabria, accomunò artisti dell’intero continente, raccogliendo sodalizi e collettivi di “cinetisti” attivi in molti Paesi, si fosse determinata una sorta di linea di demarcazione: da una parte gli italiani e i francesi (Gruppo N, Gruppo T, Gruppo 63, GRAV etc.), spesso in relazione reciproca; dall’altra le numerose esperienze del mondo austro-tedesco, alcune delle quali videro Helga Philipp come esponente o protagonista. Certo contò la barriera linguistica, ma forse, in maniera più sottile, si trattava di una differente impostazione di fondo, determinata anche da radici storiche diverse: in Italia il secondo Futurismo e l’astrattismo milanese e comasco degli anni Trenta, in Francia Abstraction-Création e i concretisti; mentre in Germania agiva l’eredità del Bauhaus e successivamente della Hochschule für Gestaltung di Ulm, e in Austria non si poteva ignorare il grande insegnamento primonovecentesco dei linearismi geometrizzanti della Wiener Werkstätte, e poi di un personaggio-chiave come Franz Ci┼żek. Helga Philipp discende dunque da illustri precedenti e, se taluni esiti della sua arte non appaiono così lontani – giusto per citare un paio di esempi – da quelli di Alberto Biasi o di Dadamaino, peraltro risalenti agli stessi anni, vi si coglie uno spirito per così dire più “costruttivista”, con un’attenzione “applicativa” tutta viennese (non si dimentichi la formazione giovanile all’Akademie für angewandte Kunst). Naturalmente, poi, è in lei essenziale l’interesse per l’analisi dei meccanismi percettivi, quindi per la stimolazione di effetti di distorsione, reversibilità, modularità, interferenza, sperimentati sia in dipinti, sia in oggetti cinetici, sia in opere serigrafiche, fino all’approdo alla classica tecnica del disegno a grafite su carta o cartoncino, impiegata però al fine di ottenere sempre scansioni spaziali e severi giochi di “negativi-positivi”, che arrivano ad annullare gli assunti della sintassi compositiva tradizionale disattivandone uno degli elementi essenziali, ossia la distinzione tra figura e sfondo. Qui Helga Philipp lavora sull’ambiguità tra pieno e vuoto, con forme geometriche incastrate le une nelle altre, portandoci a riflettere sulla relatività della percezione: è l’osservatore che, prendendo atto dell’instabilità ottica di queste opere, ne stabilisce a proprio piacimento la modalità di lettura e persino la direzionalità. Nel 1963 l’artista proclamava, con secchezza apodittica, senza utilizzo di lettere maiuscole: «esistenza dell’immagine attraverso lo spettatore. esistenza dello spettatore attraverso l’immagine. movimento nello spazio nell’immagine. movimento nello spazio e dello spettatore attraverso l’immagine. movimento dell’immagine attraverso lo spettatore e lo spazio. cambiamento dell’immagine attraverso il cambiamento della luce. cambiamento dell’immagine attraverso il cambiamento dello spettatore». Quanto scritto allora rimase valido per l’intero prosieguo del percorso di Helga Philipp, che è stato limpido e consequenziale: non mutarono i presupposti, ma furono i mezzi a conoscere progressive evoluzioni, ferme restando l’attitudine analitica e la curiosità sperimentale, dagli Objekt degli anni Sessanta alle Grafik e Druckgrafik incentrate sulla linea curva e sul modulo circolare, fino ai grandi oli su tela – monocromi o calibrati sui non-colori e sui toni di grigio – dell’ultima fase della sua carriera, dove, ancora una volta, il titolo dell’opera (spesso Malerei, pittura) coincide significativamente con la tecnica.


In questo ritorno al grado zero del lessico visivo Helga Philipp ha esplorato le modalità di percezione oculare dell’uomo, i sistemi di funzionamento del nostro cervello, ma senza trasformare se stessa in una pura ricercatrice, proiettata in speculazioni avulse dalla realtà; ma conservando anzi un’amorevole cura per le diverse materie, derivatale dallo studio delle arti applicate, e lo sguardo complice della didatta, ché l’insegnamento non fu per lei un’attività parallela e collaterale, ma una maniera di essere e d’intendere il proprio compito di operatrice della visualità.


Portare all’attenzione del pubblico italiano un’ampia selezione di lavori – dagli anni Sessanta ai Novanta – di Helga Philipp, che fu instancabile anche nel promuovere scambi, rapporti e dialoghi, è un’opportunità per far rivivere una stagione estremamente vivace, e conoscere un’indubitabile protagonista della scena europea della seconda metà del Novecento.


 


Helga Philipp. Nota biografica


Helga Philipp nasce il 2 giugno 1939 a Vienna. Nel 1953, all’età di quattordici anni, inizia la sua formazione all’Akademie für angewandte Kunst, seguendo il corso di scultura di Hans Knesl. Si diploma nel 1961. Visitando la Biennale di Venezia del 1958 e tramite amici come Marc Adrian entra in contatto con esponenti dell’Arte Concreta e della Op Art.


Con Richard Kriesche e Jorrit Tornquist fonda nel 1968, in occasione di una mostra per il Forum Stadtpark di Graz, il sodalizio “Gruppe Austria”, e si afferma nel proprio Paese con opere improntate in direzione concreta e costruttiva, conseguendo successi sia in spazi museali, sia con la presenza in gallerie rinomate come la St. Stephan di Vienna, sostenuta dal collezionista Otto Mauer e apprezzata dallo scrittore e poeta Hans Carl Artmann.


Helga Philipp comincia inoltre a esporre a livello internazionale: entrata nel circuito della “Nuova Tendenza”, si fa conoscere in molte importanti sedi dell’Europa centrale. Il critico Werner Hofmann nel 1967 la inserisce nella fortunata mostra “Kinetika” al Museum des 20. Jahrhunderts. Tra il 1972 e il 1974 sue installazioni sono presentate nello spazio pubblico dello Stadtpark di Vienna.


Nel frattempo, dal 1965 Helga Philipp ha iniziato a insegnare all’Universität für angewandte Kunst, proseguendo la propria attività didattica fino al 2002. Tra gli allievi più noti si segnalano Gerwald Rockenschaub, Franz Graf, Brigitte Kowanz, Heimo Zobernig, Martin Beck e Thomas Freiler, esponenti della cosiddetta “Nuova Geometria”.


Dopo aver fatto parte del gruppo “Exact Tendencies”, che nel 1979 si raccoglie attorno alla pittrice Hildegard Joos e alla coppia di collezionisti Gertraud e Dieter Bogner nel castello di Buchberg in Svizzera, Helga Philipp fonda di sua iniziativa un’associazione culturale nella Villa Hansen di Ternitz, in Tirolo, dove si dedica a eseguire opere di grande formato, perlopiù tele monocrome o bicolore, e offre a giovani emergenti un’opportunità per esporre e farsi conoscere. Stabilisce anche uno stretto rapporto con il Werkstatt di Breitenbrunn, centro sperimentale di diffusione dell’avanguardia internazionale gestito e promosso dalla coppia di artisti Fria Elfen e Will Frenken.


Negli anni Ottanta e Novanta Helga Philipp compie vari viaggi all’estero, dall’Europa, all’America, al Giappone, e intensifica il suo rapporto con New York. Nel 1997 realizza un intervento spaziale di Light Art e con oggetti pittorici nella sede universitaria di Althanstraße a Vienna. Nel 2001, poco prima della morte prematura, avvenuta il 5 novembre 2002, riceve il prestigioso Preise der Stadt Wien. Sua figlia Olga Okunev si occupa della gestione del vasto patrimonio artistico da lei lasciato.


 


 


“REDISCOVERING HELGA PHILIPP. OP ART IN AUSTRIA”


Milano, Galleria 10 A.M. ART (Corso San Gottardo, 5)


2 marzo - 28 aprile 2023


Inaugurazione: Giovedì 2 marzo 2023, ore 17:00


 


Informazioni: tel. 02.92889164; info@10amart.it; www.10amart.it

10 A.M. ART
Rediscovering Helga Philipp. Op Art in Austria