19/11/2020 - 02/12/2020

IL RITMO NARRATIVO SI TRADUCE IN PURO SENTIMENTO

Mostra personale dell' Artista Maria Petrova (1940-2016) presso le sale espositive della galleria d'Arte Malinpensa by La Telaccia dal 19 Novembre al 2 Dicembre 2020.


Mostra e presentazione a cura di Monia Malinpensa.


biografia:


MARIA PETROVA (1940-2016) CHI ERA COSTEI?
Compiuti gli studi classici frequenta l’Accademia delle Belle Arti di Sofia, passando, poi, sotto la guida artistica del rinomato acquerellista bulgaro Jordan Gheshev (1907 -1973), così ha dato modo al suo innato talento di forgiarsi e perfezionarsi tramite questa indiscussa e difficile tecnica. Nel 1962 inizia la sua attività pubblica attraverso collettive e personali, in un triennio intriso di creatività e successi artistici, fino al 1965 anno in cui si trasferisce in Italia. Fin da subito ben accetta nelle manifestazioni artistiche italiane allestisce, con successo, mostre personali e collettive lungo tutti gli anni ’70-’80. Malgrado, in seguito, le sue apparizioni si siano diradate, causa non ultima una salute precaria, la sua attività non viene interrotta, ponendo le basi per una prolifica maturazione artistica e dando corpo a qualche esperimento tecnico, come per esempio l’acquerello su tela, di cui rimangono 4 opere in collezione. Il suo modo d’intendere l’Arte viene di nuovo espresso pubblicamente nel corso del decennio che porterà al 2000, seppure un po’ ai margini, non avendo possibilità economiche per porre le giuste basi per realizzare un meritato rilancio; ottenendo, comunque, ampi consensi di pubblico e critica. Acquerellista di innato talento ha avuto una cinquantennale produzione artistica pluripremiata in ogni partecipazione ad eventi pubblici. La ritrattistica è stata una sua peculiarità, infatti la Petrova non si fermava alla mera bravura esecutoria ma sapeva cogliere l’anima delle persone immortalate; inoltre le altre opere, in cui prendono forma paesaggi, nature morte, composizioni d’interni e figure, eseguite, anche, in grandi dimensioni, cosa inusuale per la tecnica adoperata, rivelano carattere e maestria d’esecuzione. La sua morte improvvisa ha stroncato la realizzazione di nuovi progetti. Con la Petrova se ne va, per citare il critico e giornalista, nonché estimatore, Franco Caresio: “una dei maggiori acquerellisti del ‘900”. 

MALINPENSA GALLERIA D'ARTE
IL RITMO NARRATIVO SI TRADUCE IN PURO SENTIMENTO